Per questa settimana abbiamo deciso di rinnovarlo pubblicando un’intervista individuale come parte della serie intitolata ¨ L’infermiera sotto i riflettori¨. Siamo entusiasti di presentare finalmente un’infermiera EMTG.  

Alcune persone impiegano la maggior parte della loro vita per scoprire cosa vogliono fare, ma Diana ha sempre saputo che voleva fare l’infermiera.  

È entrata a far parte del programma EMTG nel 2020 e lavora nel sud dei Paesi Bassi, dove unisce il suo desiderio di aiutare le persone con il suo amore per i viaggi in città.  

I suoi colleghi descrivono Diana come un’infermiera fantastica e amichevole. Diana è un’infermiera registrata presso un istituto olandese.  

Oggi condividerà la sua esperienza di lavoro e di vita in un nuovo paese. Il suo successo è un ottimo esempio di come un’infermiera coinvolgente possa fare la differenza nella vita dei pazienti e dei membri del team. 

Conosci Diana: 

CHI SEI 

Qual è il tuo nome e la tua età? 

Mi chiamo Diana e ho 23 anni. 

Da dove sei? 

Vengo dal Portogallo, dalla città di Braga. 

A che università ti sei laureata? 

Ho studiato infermieristica presso la School of Nursing dell’Università del Minho. 

Perché hai deciso di diventare infermiera? 

Mio fratello è nato con una malattia rara e aveva bisogno di molte cure. È sempre stata una mia motivazione per studiare e lavorare nel campo dell’Infermieristica. 

ESSERE INFERMIERA NEI PAESI BASSI 

Da quando vivi / lavori in Olanda e dove lavori? 

Vivo nei Paesi Bassi da aprile 2020 e lavoro in un istituto di cura da maggio 2020. 

Quali sono alcuni dei compiti che svolgi quotidianamente? 

Le responsabilità di un infermiere presso l’istituto di cura in cui lavoro includono igiene e cura, somministrazione di farmaci, somministrazione di cibo, cura delle tracheotomie, aspirazione delle secrezioni, monitoraggio dei segni vitali, parlare con i parenti dei pazienti, ecc. 

Quanto è diversa la cultura del lavoro olandese dal tuo paese? 

Il lavoro di un’infermiera presso l’istituto in cui lavoro non è molto diverso da quello che facciamo in Portogallo. Tuttavia, qui ci sono diversi livelli nella carriera infermieristica e, quindi, anche le funzioni possono differire. 

Cosa ti piace di più del tuo lavoro? 

In generale, mi piace tutto quello che faccio nel mio lavoro. Tuttavia, il fatto di poter lavorare con bambini con bisogni speciali è quello che mi piace di più. 

La sfida più grande nel lavorare come infermiera qui è, senza dubbio, la lingua. EMTG continua ad accompagnarci in tutto e ad aiutarci con ciò di cui abbiamo bisogno.”

LAVORARE ALL’ESTERO 

Quando e perché hai deciso di lavorare nei Paesi Bassi come infermiera? 

Ho finito il corso di Infermieristica a luglio 2019. A novembre dello stesso anno c’è stata una fiera aziendale presso l’università in cui avevo studiato. Lì ho incontrato Ana e, di conseguenza, EMTG. Ero molto entusiasta all’idea di poter lavorare come infermiera in Olanda, tutto mi è stato spiegato nel migliore dei modi. E beh, eccomi qui da aprile 2020. 

Qual è la sfida più grande per lavorare come infermiera in un paese straniero? Come hai superato quella / e sfida / e? 

La sfida più grande nel lavorare come infermiera qui è, senza dubbio, la lingua. EMTG continua ad accompagnarci in tutto e ad aiutarci con ciò di cui abbiamo bisogno. Quindi, ogni settimana ho continuato a prendere lezioni di olandese con gli insegnanti. Indubbiamente un aiuto incredibile per continuare a migliorare la mia lingua e avere successo nel mio lavoro. 

Quali sono i vantaggi di lavorare all’estero nella tua vita professionale e personale? 

L’esperienza e la crescita, sia personale che professionale, sono i maggiori vantaggi del lavorare all’estero. 

OLANDA 

Come va la tua vita nei Paesi Bassi? Cosa fai nel tuo tempo libero? 

Ho una vita molto calma e rilassata nei Paesi Bassi. Lavoro in media 32 ore settimanali, il che mi permette di avere molto tempo libero per fare le cose che mi piacciono come leggere, fare una passeggiata in centro e andare in palestra. 

Cosa ti piace di più dei Paesi Bassi? 

Quello che mi piace di più dei Paesi Bassi è l’organizzazione. In generale, è un paese super organizzato, è incredibile. 

Quali sono i tuoi obiettivi futuri nel campo infermieristico nei Paesi Bassi? 

In futuro mi piacerebbe poter lavorare come infermiera nel reparto pediatrico o in un reparto ostetrico. 

MESSAGGIO 

Che messaggio hai per i futuri infermieri che stanno pensando di lavorare all’estero? 

Il messaggio che mando ai miei colleghi che stanno pensando di intraprendere questa avventura è che, senza dubbio, sarà una delle migliori esperienze di vita. 

Dal corso intensivo di olandese presso Academia Neerlandesa al momento in cui siamo arrivati ​​nei Paesi Bassi e abbiamo iniziato a lavorare. 

Prendi una possibilità, non te ne pentirai.

Se desideri seguire il viaggio di Diana come infermiera nei Paesi Bassi, puoi seguire il nostro account Instagram e dare un’occhiata alle nostre storie. Qui troverai una panoramica della sua routine lavorativa. Potrai anche essere aggiornato con gli ultimi eventi in modo da sapere cosa sta succedendo all’interno della nostra comunità.  

Ti interessa lavorare nei Paesi Bassi? 

In EMTG siamo sempre aperti all’idea di accogliere nuovi professionisti sanitari nel settore sanitario olandese. Se, come Diana, sei interessato ad avanzare nella tua carriera e ottenere una crescita più personale, allora sei sempre il benvenuto a contattarci. Inoltre, puoi guardare le nostre pagine LinkedIn, Youtube e Facebook per saperne di più sul programma EMTG e dare un’occhiata a ciò che abbiamo da offrire. Seguici per entrare a far parte della famiglia! 

Translate »

Our site uses cookies. Cookies make the website more personal and user-friendly. Read more about cookies.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close