BLOG

5 miti sugli infermieri per sfatare i pregiudizi

 

Gli infermieri sono essenziali per assicurare alla popolazione cure mediche di qualità. Senza infermieri, è improbabile che possiamo ottenere un trattamento di qualità, che ci si aspetta, negli ospedali e nelle cliniche.  

Eppure ci sono molte persone che minimizzano tutto ciò che gli infermieri fanno o non danno loro lo stesso rispetto dei medici. Nonostante molti tentativi di schiacciare gli stereotipi sulla professione infermieristica, un certo numero dii miti continuano a persistere. Forse stai pensando di diventare infermiere ma hai sentito alcune cose che ti hanno fatto dubitare. Non lasciare che questi preconcetti sulla professione ti impediscano di esplorare le possibilità di diventare un infermiere.  

I sistemi sanitari si stano espandendo rapidamente, creando una miriade di offerte di lavoro e diverse opportunità di specializzazione. Ora che ci sono centinaia di specializzazioni nel campo, è chiaro che le opportunità abbondano. Con la giusta istruzione e formazione, puoi indirizzare la tua carriera infermieristica in qualsiasi direzione tu scelga.  

1. L’infermieristica è una professione femminile

Può sembrare che l’assistenza infermieristica sia erogata principalmente dalle donne, ma non lo è. La professione è diventata molto attraente anche per gli uomini perché il lato tecnico e interessante. Gli studi della Purdue University mostrano che sempre più uomini decidono di diventare infermieri. Emergono costantemente nuovi metodi di lavoro che richiedono più profili tecnici e creano ulteriori sfide, e questo è molto stimolante. 

Nei tempi antichi, le donne hanno dominato il campo infermieristico. Tuttavia, ciò che di solito spinge le persone a diventare infermiere è il desiderio di aiutare e migliorare la vita delle persone su base quotidiana . Questa aspirazione non è specifica solo per le donne, ma è piuttosto universale. Anche gli uomini possono scegliere di aiutare gli altri lavorando nelle organizzazioni sanitarie.  

Un buon esempio è l’attuale pandemia, in cui sia i maschi che le femmine hanno contribuito insieme alla cura dei pazienti che sono stati infettati dal virus.  

2. Il percorso formativo infermieristico è facile

Non dovresti sottovalutare la complessità del programma di studio infermieristico . È un corso di studi difficile anche perché combina teoria e pratica. 

Ci vuole molta pratica, dedizione, abilità e una vasta conoscenza teorica,  acquisita durante i corsi in aula, per ottenere la tua laurea in infermieristica. Dopo che hai acquisito la tua laurea, non significa che smetterai di imparare. L’infermieristica è una scienza e la scienza si aggiorna costantemente. Le regole, protocolli, procedure e informazioni, quindi tante cose che impari durante il tuo primo mese di università potrebbero non essere corrette entro la fine del tuo primo anno di studio. Questa professione richiede una formazione continua, quindi non smetterai mai di imparare cose nuove. 

In questi giorni il settore sanitario sta diventando sempre più innovativo ed e implementata sempre più tecnologia. Ciò significa che gli infermieri devono essere studenti flessibili e veloci. Ad esempio, nessuna quantità di studio poteva prepararci a una situazione come l’attuale pandemia. Tuttavia, gli infermieri hanno dimostrato di essere studenti resilienti, adattabili e veloci anche in qualsiasi situazione di stress intenso e prolungato. 

3. Gli infermieri sono “i schiavi del medico” 

I medici spesso sviluppano il piano medico di cura, scrivono ordini e supervisionano i progressi complessivi del paziente. Tuttavia, è l’infermiere che si prende cura e controlla  il paziente ora dopo ora e giorno dopo giorno. Ora più che mai, gli infermieri hanno tantissime responsabilità, si stanno evolvendo sempre di più, ottengono maggiore autonomia e nei casi in cui il tempo è limitato, gli infermieri esperti hanno sempre più l’autorità nel processo decisionale. 

Nei Paesi Bassi, abbiamo a che fare con meritocrazia ed una gerarchia orizzontale in tutti i posti di lavoro. Ciò significa che lavoriamo come una squadra e ognuno ha i propri compiti e responsabilità ben definiti. I medici si aspettano che gli infermieri siano più autonomi e prendano decisioni o che fanno raccomandazioni per la cura del paziente. Ciò consente ai medici di accudire in maniera efficiente su più pazienti, mentre gli infermieri forniscono valutazioni ai medici sui cambiamenti nelle condizioni del paziente. 

4. L’infermieristica offre poche possibilità di crescita professionale

Ci vuole un intero team di professionisti per soddisfare le esigenze sanitarie di un’intera nazione e gli infermieri svolgono un ruolo chiave nel mantenere in funzione il sistema sanitario. Come dicevamo in precedenza , l’assistenza infermieristica nei Paesi Bassi offre una grande diversità di specializzazioni. Gli infermieri che lavorano qui hanno molte opportunità di crescita in quanto nei Paesi Bassi sono disponibili un’ampia scelta di aree di specializzazione insieme a master e corsi post-laurea . 

In qualità di infermiere principiante, dovrai iniziare con le basi della cura del paziente , ma questo non significa che la tua prospettiva di carriera sia limitata a questo. Man mano che progredisci nella tua carriere e inizi a specializzarti, sarai in grado di assumerti maggiori responsabilità che includono l’ essere responsabile dei reparti e aiutare i medici a raccomandare un trattamento adeguato. Dopo la registrazione nel BIG register olandese, come infermiere registrato, puoi scegliere di continuare come infermiere generale o iniziare a specializzarti in varie discipline infermieristiche. 

Gli infermieri possono anche di lavorare in altri campi. Ad esempio, puoi lavorare come consulente per compagnie assicurative, educatore nei studi clinici, specialista di prodotto per le case farmaceutiche e  o persino assumere un ruolo di coach. Inoltre, puoi essere coinvolto in ruoli operativi come la gestione o persino passare a un ruolo di consulenza o di risorse umane. Insomma, nei Paesi Bassi le opportunità di carriera per gli infermieri sono abbondanti.

5. Come infermiere è sempre facile trovare lavoro, ovunque

In passato tutti credevano che gli studenti in infermieristica avrebbero trovato facilmente lavoro ovunque, ma ora la situazione è un po’ ‘diversa . Se qualcuno vuole lavorare in case di cura o assistenza domiciliare, trovi subito un lavoro perché c’è una grave carenza di professionisti sanitari. Ma negli ospedali è un po’ ‘più complicato perché la maggioranza degli infermieri vogliono lavorare in un ospedale. 

Avere una laurea in infermieristica e padroneggiare una seconda lingua, ti consentirà di espandere le tue opportunità professionali al di fuori del tuo paese d’origine. Molti infermieri stranieri sono emigrati nei Paesi Bassi negli ultimi anni per acquisire esperienze di vita professionale e personale, e per continuare di crescere da un punto di vista professionale, seguendo un corso di specializzazione. 

Conclusione 

Tutto sommato, la scelta di una carriera infermieristica è un’opzione eccellente sia per gli uomini che per le donne. È l’ideale per coloro che si sono appena diplomati al liceo e per coloro che cercano un cambio di carriera più avanti nella vita.  

Il campo dell’assistenza infermieristica si sta espandendo e ci sono diverse specializzazioni, il che significa che anche la domanda di infermieri è in aumento. Soprattutto nei Paesi Bassi, dove c’è una popolazione che invecchia.  

Pertanto, in questo momento è un buon momento per fare il salto e tuffarsi in questa professione stimolante e gratificante. 

Sei interessata /o a diventare un’infermiera/e nei Paesi Bassi?

Ora che abbiamo sfatato alcuni miti e menzionato le opportunità nei Paesi Bassi, potresti essere un infermiere che sta cercando di espandere i suoi orizzonti .  

Forse ti interessa lavorare nei Paesi Bassi?  

Lascia che EMTG ti aiuti ad avviare la tua carriera nei Paesi Bassi. È semplicemente il paese più bello in cui vivere e lavorare come infermiere. Dai un’occhiata alla nostra pagina delle offerte di lavoro per scoprire se abbiamo esiste una posizione che si adatta alla tua esperienza. 

Bibliografia: 

Dyess, S., Sherman, R., Pratt, B., Chiang-Hanisko, L., (January 14, 2016) “Growing Nurse Leaders: Their Perspectives on Nursing Leadership and Today’s Practice Environment” OJIN: The Online Journal of Issues in Nursing Vol. 21 No. 1. 

Purdue University Global. “Nine Major Misconceptions About Nursing.” Purdue Global, Purdue University Global, 15 Jan. 2021, www.purdueglobal.edu/blog/nursing/misconceptions-about-nursing/.