Infermiera sotto i riflettori – Helena 
incontra un’infermiera EMTG nei Paesi Bassi 

 

È tempo per un’altra “infermiera sotto i riflettori”.  

Questa volta siamo entusiasti di presentarti Helena , un’infermiera spagnola .  

Sin da quando era giovane Helena ha sempre avuto molto rispetto per gli operatori sanitari. Quando è arrivato il momento di scegliere una carriera, non ha esitato a studiare infermieristica . Nel 2019  entra a far parte del programma di divisione EMTG, dopo aver imparato la lingua olandese in soli tre mesi presso l’Academia Neerlandesadi Javea (Spagna), ha volato in Olanda per iniziare il suo nuovo lavoro. Helena lavora nella zona Haarlem in un’organizzazione che si occupa di assistenza domiciliare.  I suoi colleghi la descrivono il come una carismatica, positiva, giocatrice di squadra e un’infermiera professionale.  

In questa intervista , Helena condivide la sua esperienza di integrazione in un paese straniero mentre si abitua anche a una nuova lingua e un nuovo lavoro . 


A PROPOSITO DI TE 

Qual è il tuo nome e la tua età? 

Helena Quintana Del Rosario, 24 anni 

Di dove sei? 

Vengo dalle Isole Canarie in Spagna. 

Qual’ è la tua alma mater? 

Università di Las Palmas de Gran Canaria. 

Perché hai deciso di diventare infermiera? 

Ho sempre avuto molto rispetto per gli operatori sanitari e la loro capacita di aiutare gli altri. 

 

ESSERE INFERMIERA NEI PAESI BASSI 

 

Da quando vivi / lavori in Olanda e dove lavori? 

Mi sono trasferito in Olanda a dicembre 2019 e da allora lavoro a Zandvoort vicino Haarlem, nella provincia dell’Olanda Settentrionale. 

Quali sono alcuni dei doveri che svolgi quotidianamente? 

Attualmente lavoro come infermiera impegnata in assistenza domiciliare. Al nostro arrivo in ufficio, io ei miei colleghi parliamo dei percorsi assistenziali dei nostri clienti, leggiamo i rapporti e prepariamo il materiale di cui abbiamo bisogno presso il domicilio dei clienti. Il mio turno inizia alle 7.30, se ho il turno mattutino . L’assistenza fornita e molto varia; aiuto con igiene personale, trasferimenti e tecniche di mobilitazione, iniezioni intramuscolari, somministrazione di farmaci e insulina, cura delle ferite , medicazioni compressive, inserimento di cateteri vescicali, cura di stomie e nefrostomie, tra tante altre cose. In aggiunta , dobbiamo fare anche lavoro amministrativo, organizzare l’assistenza dei nostri clientivalutare la qualità dei interventi assistenzialiorganizzare  e partecipare a dei incontri interdisciplinari con medici di famiglia, fisioterapisti etc. 

Quanto è diversa la cultura del lavoro olandese dal tuo paese? 

Durante quest’anno ho riscontrato piccole differenze. Non posso dire che cè ne sia solo uno solo significativo. Gli olandesi hanno un modo diverso di relazionarsi ma ci mettono l’anima in quello che fanno. Altre differenze potrebbero essere trovate nei protocolli delle tecniche infermieristiche, come il mancato utilizzo di un disinfettante per le iniezioni intramuscolari. Nel mio caso, ho continuato a farlo, come ho imparato in Spagna e ho sempre commentato su queste differenze con i miei collaboratori. L’unica [differenza] che potrebbe essere evidenziata è l’efficienza della funzione amministrativa. Lavoriamo per ottenere risultati e la tua opinione è sempre apprezzata. Nei Paesi Bassi si parla molto del famoso feedback e in generale a loro piace molto sentire il tuo punto di vista su come l’assistenza potrebbe essere migliorata. 

Cosa ti piace di più del tuo lavoro? 

Quello che mi piace di più del mio lavoro è l’indipendenza e l’autonomia nel prendere le decisioni e il rapporto che si crea con il cliente assistito. Inoltre la stabilità lavorativa permette di svolgere il lavoro con maggiore tranquillità e sin dall’inizio viene effettuato un inserimento lavorativo con l’aiuto ed il sostegno colleghi. Mi sono sentita sempre molto apprezzata come professionista. 

 

 

 

                 

             Quello che mi piace di più di questo Paese è la libertà, sia di azione che di pensiero. Le sue tradizioni e il multiculturalismo che esiste.

 

 

 

 

 

 

 

LAVORARE ALL’ESTERO 

Quando e perché hai deciso di lavorare nei Paesi Bassi come infermiera? 

Durante l’estate del 2019 ho deciso di fare il salto ed tentare di trasferirmi all’estero vista la poca stabilità lavorativa gli stipendi bassi che ho trovato in Spagna. Normalmente avevo contratti brevi in che finivanonon appenainiziavo a sentirmi a mio agio.La mia prima scelta sono sempre stati i Paesi Bassi per la loro ricchezza culturale e la qualità della vita. Inoltre, avevo visitato il paese in diverse occasioni. 

Qual è la sfida più grande nel lavorare come infermiera in un paese straniero? 

Questa è una domanda molto personale perché può variare molto da persona a persona, ma penso che una cosa su cui molte persone potrebbero essere d’accordo è l’adattamento alla nuova cultura.  

Ad esempio, gli olandesi sono persone molto oneste e dirette.  

Altre cose da tenere a mente sono la lingua, la mancanza di familiari e amici e trovare nuove amicizie e relazioni sociali in questo nuovo paese. Per me la lingua non è stata un problema. Sono arrivato con un buon livello di lingua olandese, gia dal corso di Javea [Academia Neerlandesa ] e durante questo percorso lavorativo ho ricevuto aiuto anche da parte dei miei clienti e colleghi.  

Per quanto riguarda la famiglia e gli amici, sono stato in grado di arricchire la mia vita con nuovi amici che ho incontrato quest’anno durante il corso di lingua olandese e che capiscono quello che mi capita poichévivono la stessa vita. 

Quali sono i vantaggi di lavorare all’estero nella tua vita professionale e personale? 

Come già accennato, uno dei migliori vantaggi è la stabilità del lavoro e, quindi la sicurezza economica . Un altro vantaggio che mi ha motivato a emigrare è stata la  possibilità di continuare a crescere da un punto di vista professionale e di arricchire la formazione come infermiera. Nei Paesi Bassi ci sono una serie di specialità infermieristiche che, purtroppo, non sono ancora riconosciute in Spagna. 


OLANDA 

Come va la tua vita nei Paesi Bassi? Cosa fai nel tuo tempo libero? 

Mi piace la mia vita qui. Sento di avere la mia indipendenza e di essere maturata molto durante quest’anno. Nel tempo libero di solito vedo i miei amici, faccio sport e viaggio. Quest’anno, nonostante la situazione di pandemia, ho potuto approfittare e visitare vari luoghi. 

Cosa ti piace di più dei Paesi Bassi? 

Quello che mi piace di più di questo Paese è la libertà, sia di azione che di pensiero. Le sue tradizioni e il multiculturalismo che esiste. 

Quali sono i tuoi obiettivi futuri nel campo infermieristico nei Paesi Bassi? 

I miei obiettivi a breve e lungo termine sono migliorare la lingua olandese e acquisire esperienza lavorativa per studiare una specialità infermieristica nel futuro. 

MESSAGGIO 

Che messaggio hai per i futuri infermieri che stanno pensando di lavorare all’estero? 

Il mio consiglio agli infermieri che considerano questa avventura è di pensare seriamente a come farlo. Sii realistico su quanto possa essere complesso trasferirsi in un nuovo paese. Guarda le possibilità e cosa serve per iniziare questo progetto e, cosa ancora più importante, abbi fiducia in te stesso. Alla fine del giorno, una lingua deve essere studiata con serietà ed impegno e la considero un’esperienza molto utile. In bocca al lupo a tutti! 

Per scoprire di più su Helena ed altri infermieri EMTG, puoi seguire il nostro account Instagram dove ti mostreremo le storie di una giornata nella vita di un’infermiera che lavora nell’assistenza sanitaria olandese: 

https://www.instagram.com/p/CKMGVpXpIHl/ 

In EMTG siamo sempre aperti all’idea di accogliere nuovi professionisti sanitari nel settore sanitario olandese. Se, come Helena, sei interessato a far sviluppare la tua carriera e ottenere una crescita più personale, sei sempre il benvenuto a contattarci .  

Translate »

Our site uses cookies. Cookies make the website more personal and user-friendly. Read more about cookies.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close